Siti
Navigare Facile

Olimpiadi della Matematica

Le gare Matematiche

Il Progetto Olimpiadi della Matematica organizza in Italia gare di matematica per le Scuole Superiori da oltre 20 anni; le gare hanno la loro conclusione con la partecipazione della squadra italiana alle Olimpiadi Internazionali di Matematica. Il Progetto Olimpiadi opera in base a una convenzione fra il Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica e l'Unione Matematica Italiana, e si avvale della collaborazione della Scuola Normale Superiore di Pisa.

I Giochi di Archimede si svolgono in genere negli ultimi giorni di Novembre nelle scuole superiori che si iscrivono alla competizione (tutti gli istituti vengono contattati da parte degli organizzatori) e sono aperti a tutti gli studenti, indipendentemente dalla classe frequentata, con l'unica limitazione di non compiere più di 20 anni durante l'anno scolastico in corso.

Questa fase prevede 20 domande a risposta multipla per i partecipanti che frequentano i primi due anni di scuole superiori, 25 per coloro che frequentano gli ultimi tre anni (per rispondere a tali domande dovrebbero bastare le conoscenze del primo biennio unite a buone capacità logico-matematiche) e i migliori studenti di ogni istituto sono selezionati - secondo criteri che variano da provincia a provincia - per la fase successiva.

La fase provinciale, che si svolge normalmente nel periodo di Febbraio, consta di dodici domande a risposta multipla, due domande a risposta numerica e tre dimostrazioni, solitamente di algebra e geometria.

Le conoscenze necessarie, come per la fase scolastica, sono quelle fornite dalle scuole superiori. I criteri di ammissione alla fase nazionale sono basati sulle cosiddette quote: ogni provincia, in base al numero delle scuole partecipanti e ai propri risultati alla fase nazionale dei cinque anni precedenti, qualifica un certo numero fissato di studenti, che vengono scelti tra i primi classificati della selezione provinciale privilegiando leggermente gli studenti più giovani.

La finale nazionale si svolge a Cesenatico, in provincia di Forlì e Cesena, nei primi giorni di Maggio, e ad essa partecipano circa 300 studenti, ospitati gratuitamente in albergo per quattro giorni da parte dell'organizzazione delle gare; ogni gruppo di studenti è accompagnato dal proprio responsabile provinciale.

La competizione consta di 6 esercizi dimostrativi riguardanti vari ambiti della Matematica (geometria, teoria dei numeri, algebra, combinatoria) da risolversi in quattro ore e mezza utilizzando solo strumenti per scrivere e per disegnare.

Ognuna delle sei dimostrazioni viene valutata da 0 a 7 punti; il massimo punteggio ottenibile è quindi 42. I migliori classificati vengono premiati con una medaglia d'oro ai primi classificati, una medaglia d'argento ai secondi, e di bronzo ai terzi; a tutti coloro che non hanno ricevuto una medaglia ma hanno totalizzato il massimo dei punti in almeno uno dei sei problemi ricevono una menzione d'onore.

A metà maggio, i migliori studenti, in genere sulle 20-24 unità, hanno accesso ad una settimana di stage pre-olimpico, detto pre-IMO. Durante questa fase, che si è tenuta fino al 2002 a Cortona e attualmente ha sede a Pisa, viene affinata la preparazione con lezioni ed esercitazioni mirate soprattutto alla risoluzione dei problemi olimpici, con lavoro sia individuale che in piccoli gruppi.

La settimana si conclude con una selezione per determinare i sei partecipanti alla fase internazionale. Questa gara, detta TST, sigla di Team Selection Test si svolge in due giornate con tre problemi da sette punti l'uno per ciascun giorno, proprio come nella gara internazionale.

I sei ragazzi scelti, che avranno l'onore di rappresentare l'Italia alle IMO, sono i primi di una classifica che tiene conto dei punti totalizzati durante il TST (42 punti in palio), più metà dei punti totalizzati nella precedente finale nazionale di Cesenatico (21 punti), per un massimo di 63 punti.

Una piccola curiosità: da quando la competizione si tiene a Pisa, una serata dello stage è dedicata alla festa delle proto-matricole organizzata da alcuni universitari della Scuola Normale Superiore. La festa, in onore degli stagisti, vive di giochi e scherzi e deve il suo nome al fatto che buona parte di questi studenti ha solitamente come sbocco universitario le facoltà di Matematica e Fisica della Scuola.

Le gare internazionali si svolgono ogni anno in una nazione differente e la formula della competizione è la stessa di quella nazionale, solo suddivisa in due giornate con 3 problemi ciascuna.

Partecipano alla competizione fino a sei studenti (contestants) per ognuna delle nazioni partecipanti, più di ottanta nelle ultime edizioni. Vengono assegnate medaglie d'oro, argento e bronzo e menzioni d'onore secondo le stesse fasce di punteggio della fase nazionale.